Cronaca

Priverno. Statale 156, un incontro in Comune

13/04/2006

Si è svolto nella mattinata di ieri, presso la sede comunale l’incontro convocato dal sindaco di Priverno, Umberto Macci, per discutere alcuni temi inerenti la viabilità del territorio. Nello specifico si è parlato delle problematiche legate alla SS. 156 Monti Lepini per i lavori di costruzione della variante lungo la sede stradale nel tratto Prossedi – Latina , 2° Lotto e deviazione definitiva della strada comunale ‘Via Fascia’; km 0,0; Ceriara; attraversamento 5; collegamento con Roccagorga; allaccio 47 e Via Fascia; immissione Madonna delle Grazie. All’incontro erano presenti, per l’Amministrazione, il sindaco Macci, l’assessore alle Attività Produttive, Claudio Giorgi, e il consigliere comunale Bruno Silvagni con incarico Periferie, VV.UU. e Sicurezza, oltre al Consorzio Cooperativo Costruzioni ‘Bologna’ nella persona dell’architetto Salvetti, la Società Italiana Condotte d’Acqua di Roma, la cui presenza è stata richiesta dal sindaco e dal vicesindaco Fabio Martellucci per lo svincolo di Torretta Rocchigiana, il comandante dei Vigili Urbani, Giuseppe Celli e l’assessore ai Rapporti con gli Enti Sovracomunali e Assetto del Territorio del Comune di Roccagorga, Giancarlo Nardacci.
Assente l’ANAS e il Comune di Sezze.
L’incontro è stato voluto dall’Amministrazione per fare chiarezza e il punto sulle problematiche legate alla viabilità sul territorio – come evidenziato dal primo cittadino – in particolare, sul 2° Lotto.
A tal proposito, l’architetto Salvetti, per conto del Consorzio Cooperativo Costruzioni ‘Bologna’ ha esposto lo stato attuale degli interventi e, in relazione al 2° Lotto, i lavori riguarderanno solo il Comune di Sezze. Una prima proposta, infatti, coinvolgeva anche il Comune di Priverno il cui territorio sarebbe stato utilizzato per consentire il transito mediante creazione di una viabilità provvisoria. Successivamente è stato invece determinato di utilizzare un’altra soluzione in base alla quale, per evitare di fare un giro troppo lungo, ed interessando i lavori solo il territorio comunale di Sezze, Priverno non sarebbe stata coinvolta. Il Consorzio Cooperativo ha assicurato che esiste la fattibilità tecnica per procedere e che la progettazione degli interventi è già allo studio con la finalità di ottimizzare gli ultimi passaggi.
Di conseguenza, per il prossimo 3 maggio, sempre presso la sede comunale, è stata convocato, un nuovo incontro al quale, oltre ai destinatari convocati per oggi, si aggiungeranno anche la Regione Lazio, la Provincia.

Rita Bittarelli

    Tag

    Priverno

    Altre notizie di cronaca

    ELENCO NOTIZIE