Economia

Ex Goodyear, è bello sognare

29/11/2000

Sì, a volte è proprio bello sognare. Proprio come quando si legge una bella favola. Speriamo che la proposta di Veneruso e Bombacci sia una bella “favola”. Una di quelle che alla fine diventano realtà. E allora sogniamo. Sogniamo che un giorno arriveranno gli inviati speciali de «Il Sole 24 ore» o del settimanale economico «Il Mondo»: scriveranno di un’opera di riconversione industriale tutta “nata e cresciuta” all’interno della comunità pontina, e senza chiedere di “creare nuove leggi” per avere incentivi. Che altro potranno scrivere. Che i due giovani imprenditori sono anche “coraggiosi”, e con l’incoscienza che distingue tutti i giovani hanno avuto delle “strane pensate” per la loro iniziativa. Progettano di formare una sola squadra con tutti i dipendenti. Una quota del capitale sociale sarà a loro destinata, niente stock option o premi di rendimento, tutti soci nella stessa impresa. Guadagni e perdite per tutti, con precisi diritti e doveri, per tutti. Ma non lo diciamo a nessuno che si chiama compartecipazione agli utili. E poi, qua sta il coraggio, sul modello tedesco in consiglio d’amministrazione siederanno anche i rappresentanti dei lavoratori. Una sola squadra. Vincente. Poi le cose andranno così tanto bene, si opererà con clienti a livello mondiale, che alla fine sarà meglio quotarsi in Borsa. Continuiamo con il sogno. Una soleggiata e tiepida mattinata di primavera, la segretaria dell’amministratore delegato risponde al telefono che squilla, si presenta e dall’altra parte una voce professionale le dice: «Buongiorno, è il “Financial Times”. Per una intervista…».

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE