Cronaca

Cori. Il Sindaco interviene su Acqualatina

19/04/2005

Il Sindaco di Cori Tommaso Bianchi scrive una lettera indirizzata alla società Acqualatina spa,
alla segreteria teencia di Ato-4 e ai colleghi sindaci di Cisterna, Rocca Massima e Norma in merito alla soppressione dello sportello Acqualatina di Cisterna che ‘serviva’ il territorio indicato.
Scrive il Sindaco Bianchi: "Egregio Amministratore Delegato (rivolgendosi al Dott. Silvio Morandi), mi corre l’obbligo di segnalare nella mia qualità di socio di Acqualatina spa nonché di cliente della stessa che Lei amministra, lo sconcerto di fronte alla notizia riferitami dai miei concittadini del trasferimento a Latina o meglio della soppressione dello Sportello informativo ubicato dapprima a Cisterna per il bacino di utenza degli utenti anche di Rocca Massima, Cori e Norma. Il tutto senza alcuna consultazione preventiva con le Amministrazioni interessate per una popolazione di circa 50mila abitanti per lo più anziani e che dovranno, per qualsiasi esigenza, sobbarcarsi il viaggio fino a Latina per tutte le spiegazioni dettagliate sulle bollette e pratiche ad esse connesse".
Ma il Sindaco Bianchi va oltre, sottolineando che "ancor più grave il fatto di aver tentato di confondere le acque con l’apertura, tramite contrattazione separata con gli Uffici Postali di Cisterna, di un punto di contatto per ritirare soltanto moduli per pratiche da definire poi a Latina e addirittura materiale informativo senza alcun beneficio pratico alcuno spacciando il tutto come un ulteriore servizio al cittadino. Se gli annunci giornalistici di ulteriori perdite per 3 milioni di euro della società da Lei diretta impongono altri sacrifici ai suoi clienti con ulteriore aumento della bollettazione 2005 di almeno il 6% rispetto a quella precedente, probabilmente ci sarà qualcosa che non va da parte del gestore del S.I.I. visto che i Comuni soci hanno adempiuto (ahimè) a tutte le richieste di deroga al contratto iniziale attraverso le variazioni ad esclusivo vantaggio della parte privata di Acqualatina.
La invito, pertanto, a valutare seriamente ed urgentemente il ripristino del servizio di Sportello presso Cisterna come nelle condizioni precedenti al 1 marzo 2005 che sono rimaste immutate per le altre 10 postazioni dislocate nell’Ato-4".
"Ancora una volta, -conclude il Sindaco Bianchi- nel momento in cui oltre alle numerose esternalizzazioni dei servizi si prosegue da parte del gestore anche nelle spese di consulenza, ultimo a proposito il contratto con la società Valve Services per 1 anno al costo di 55.000,00 euro proprio per la ‘consulenza sportello’ (in questo caso oltre il danno anche la beffa?), si penalizza un intero territorio nonostante esista un deliberato unanime del Consiglio Comunale di Cori che censura profondamente il comportamento della società in esame e la qualità dei suoi servizi.
Ancora peggiore sarebbe la volontà subdola di far pagare ai ‘non allineati’ la posizione critica sulla articolazione tariffaria prossima ventura e sulle acrobazie finanziarie delle società private del gestore, più volte segnalate e sempre per una soluzione positiva da parte del sottoscritto nella qualità di portatore di interessi di una Comunità".

Rita Bittarelli

    Tag

    Cori

    Altre notizie di cronaca

    ELENCO NOTIZIE