Sport

Volley. Mondiali 2006. Andrea Zorzi: «Anche io mi auguro che il torneo si allarghi ad altre squadre. Certo non si abbasserebbe il livello»

21/07/2004

Davanti le Telecamere di ParvapoliS Andrea Zorzi,
uno dei più grandi giocatori della pallavolo internazionale, uno dei
simboli della pallavolo italiana tra i più apprezzati e noti nel mondo.
Mondiali 2006. Che dire? «Quello che colpisce subito è la grandissima
partecipazione di squadre da tutto il mondo. La federazione deve far
giocare il più possibile le squadre più deboli che hanno poche occasioni.
Il primo turno sarà giocato da squadre di basso e medio livello. Io ritengo
che l'Italia abbia una squadra talmente forte da non avere grossi problemi
per la qualificazione». Acosta spera in un'estensione ancora maggiore.
Ma il livello qualitativo non potrebbe risentirne? «No. Io credo che ci sia
una priorità assoluta. Certo, un mondiale con tante squadre mediocri
è un mondiale mediocre. Ma non dimentichiamoci che esistono sempre le qualificazioni».

Mauro Cascio


    Tag

    Volley

    Altre notizie di sport

    ELENCO NOTIZIE