Economia

Fondi. Mof. Giuseppe Savani (Ugl): «La centrale frigorifera è ancora un servizio poco affidabile per la scarsa sicurezza e per la poca igiene»

18/09/2003

La centrale frigorifera del Mof grazie alla ristrutturazione, che l'ha resa
un impianto all'avanguardia, purtroppo offre ancora un servizio poco affidabile
sia per la scarsa sicurezza sia per la poca igiene. Vengono difatti continuamente
violati i decreti legislativi 626/94,155/97 e 493/96. La centrale frigorifera,
come anche il resto del centro agro alimentare, è priva di collaudo. Da
nessuno degli idranti istallati nell'intero Mof esce una goccia d'acqua,
accantonati nei corridoi della centrale frigorifera ci sono alcuni bidoni
di ferro contenenti una mistura d'olio e ammoniaca, nella sala macchine
sono presenti alcune bombole piene d'ammoniaca. Altro fattore di rischio
per la salute è la grave mancanza d'igiene all'interno della struttura.
I gas di scarico degli autocarri e la polvere che si alza al loro passaggio
oltre a provocare gravi problemi ai lavoratori, si depositano sulle cassette
pronte per la vendita. La scarsità dei servizi igienici costringe i lavoratori
ad adattarsi a luoghi non consoni a tali attività. L'art. 39 del decreto
legislativo 626/94 prevede che "I lavoratori devono disporre, in prossimità
dei posti di lavoro, dei locali di riposo, degli spogliatoi, delle docce
o lavabi, di locali speciali dotati di un numero sufficiente di gabinetti
e di lavabo, con acqua corrente calda e dotati di mezzi detergenti e per
asciugarsi". I locali igienici più vicini alla centrale frigorifera si
trovano molto lontani dai luoghi sopra citati. Tutto questo è l'ennesima
prova dell'incapacità del Mof spa di gestire il centro agro alimentare all'ingrosso
di viale Piemonte. Le autorità competenti e gli azionisti pubblici, devono
intervenire in modo da far rispettare le norme vigenti, risolvendo in tal
modo i problemi che i lavoratori hanno da tanto tempo denunciato. Giuseppe
Savani, rappresentante sindacale dell'UGL terziario di Fondi, ritiene che
sia arrivato il momento di tirare le somme calcolando il totale dei danni
arrecati alla società, ai lavoratori e ai clienti dall'attuale amministrazione.

Rita Bittarelli

    Tag

    Fondi

    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE