Cronaca

Fondi. Cattolici, un sussulto di integralismo. «Una strada dedicata ad un prete locale in una città che non ne ha una per Giuseppe De Santis»

19/04/2003

Ha fatto molto discutere nei giorni scorsi
la cerimonia di intitolazione di una strada di Fondi a padre Alessio
Falanga, ad un anno esatto dalla sua morte. In una nota trasmissione televisiva locale
il noto esponente della comunità cattolica viene addirittura dato come prossimo alla
canonizzazione. Ma un consigliere comunale, Luigi Di Biasio e il segretario del Prc,
Paolo di Cicco, sono insorti: «L’intitolazione a qualcuno di una via dovrebbe presupporre
dei meriti civili che il personaggio in questione non possedette.
Come si fa ad intitolare una strada a chi fu tra i protagonisti
dello stravolgimento architettonico di un monumento nazionale (la chiesa di SanFrancesco)
ampliata in contrasto con il progetto presentato ed approvato dal Comune e dalla
Soprintendenza?».
E ancora: gli "interventi sull'area di San Rocco, di
proprietà comunale, e quelli relativi alla chiesa abusiva delle Querce, dove «non si
doveva assolutamente edificare nulla perché zona di espansione di un fossato".
E mentre i laici tentano di mettere a freno le pulsioni settarie della più
numerosa comunità religiosa,
Fondi dal 1997 non riesce ad onorare un concittadino veramente illustre come Giuseppe De Santis.

Rita Bittarelli

    Tag

    Fondi

    Altre notizie di cronaca

    ELENCO NOTIZIE