Economia

Fondi. La fine di un altro sogno. Pasquale Verrengia (Cisl) sul Mof:: «La concorrenza a due passi da casa: a Roma un Centro internazionale»

11/07/2002

Dopo la fine dei sogni del Parco Tematico a Latina, di quello del Porto di Gaeta, delle
arterie stradali per fare uscire dall'isolamento la provincia, ecco la notizia che tra poco
saranno completati i lavori del Centro Agroalimentare di Roma (il Car), destinato a diventare
la piattaforma d'Italia e una delle maggiori d'Europa, con conseguente danno per il Mof,
il Mercato ortofrutticolo di Fondi, strozzato completamente dalle arterie stradali, ferme
a trent'anni fa e ora messo in serio pericolo da un centro di smistamento vicino e senza
precedenti.
Pasquale Verrengia, segretario generale della Cisl di Latina sottolinea
ancora una volta il ruolo dominante che possiede Roma all'inteno dell'economia regionale. Ancora una volta si premia la logica che vede in Roma e nella sua provincia il convogliare
finanziamenti a discapito delle altre realtà provinciali. Prima l'allargamento e il potenziamento
del porto di Civitavecchia e lo scalo aeroportuale di Fiumicino, poi la sicurezza che mai e poi
mai un centro florovivaistico sorgerà ad Aprilia, oggi l'altrettanto certa notizia che Roma
avrà un centro ortofrutticolo di primissimo piano, con conseguente oscuramento delle altre
realtà del settore. Siamo di fronte a continui scippi, a logiche che non hanno nulla di tale
come dimostrano le dichiarazioni del presidente Storace al recente convegno Assindustria
a Fossanova. È uno scenario avvilente dove Roma appare sempre più Golia e il resto
della Regione Lazio è Davide senza fionda.

«La responsabilità di questo stallo economico-infrastrutturale e di questa dominante
logica romana a chi vanno ascritte se non a un'assenza programmatica dei nostri
vertici politico-istituzionali?»

Mauro Cascio

    Tag

    Fondi

    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE