Politica

PPI. Eletta la nuova direzione. Via libera al convegno sulla "questione morale" a Latina

05/09/2000

Continua il rinnovamento all'interno del Partito Popolare dopo la celebrazionedei congressi comunali in tutta la provincia; lunedì 4 il
segretario politico Leonardo Valle (nella foto) ha nominato i tra vicesegretari nelle persone di Nello Sacchi, Luca Colombo e Giorgio Tomei e ha proposto al comitato comunale la composizione della nuova direzione nelle persone di Alessandro Aielli, Luca Colombo, Pierino Di Girolamo, Agostino Ferrara, Fausto Panini, Nello Sacchi, Giorgio Tomei. Il comitato comunale (presente al gran completo con oltre quaranta membri tra diretti ed esterni) ha accolto favorevolmente il quadro dei nuovi dirigenti del partito.
Leonardo Valle ha proposto al Comitato comunale
la sua intenzione di organizzare un grande convegno sulla "Questione morale e l'ordine pubblico a Latina", il Comitato ha accolto con entusiasmo questa iniziativa che vedrà la partecipazione di importanti esponenti del Partito Popolare all'interno della compagine governativa nazionale.
Da segnalare l'intervento di Moscardelli (segretario provinciale): «La scelta di celebrare i congressi prima dell'estate ha fatto sì che il partito oggi può recitare un ruolo importante nella scelta dei candidati dei candidati alle prossime elezioni politiche e di avere una linea di opposizione netta alla destra manifestatamente incapace ed arrogante". De Amicis (Capogruppo al Comune di Latina): "L'ordine pubblico ed una politica culturali che porti in evidenza la questione della moralità nella gestione dell'amministrazione sono temi letteralmente inesistenti per questa maggioranza di destra, scandaloso è il silenzio del sindaco anche dopo che l'evidenza dimostra che Latina è un caso nazionale di malgoverno e di costante sperpero di denaro pubblico, e la criminalità avanza!". Davoli, consigliere comunale: "Latina, di fatto, non ha più un'amministrazione! La paralisi è totatale ed oggi attanaglia anche i funzionari oltre che i politici; inoltre scandalosa appare questa situazione se si considerano i miliardi che si spendono in convenzioni".

Mauro Cascio


    Articoli correlati

    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE